TOP VIEWED

3.17.2011

Today I'm green ... ST.PATRICKS DAY GREEN !


LA LEGENDA
La leggenda più celebre che riguarda San Patrizio è quella relativa alla cacciata di tutti i serpenti dall’Irlanda. San Patrizio intimò a tutti i serpenti di tornare nel mare, ma uno dei serpenti più anziani si rifiutò. Il santo allora realizzò una scatola, tentando di invogliare il serpente ad entrarvi, sostenendo che era un posto ideale per riposarsi. Il serpente, però, affermò che la scatola era troppo piccola, ma il santo ribattè che la grandezza era più che sufficiente. Il diverbio proseguì in questa maniera per lungo tempo finchè il serpente, ormai annoiato dalla controversia, scivolò nella scatola per dimostrare al santo che era realmente piccola. San Patrizio chiuse prontamente la scatola e la scagliò con forza in mare, con dentro il serpente. La leggenda del “pozzo di San Patrizio”, ha origine da quella volta in cui il santo disegnò un cerchio per terra e in quel punto si aprì subito un pozzo molto profondo. Patrizio ebbe poi la rivelazione che quella era l’entrata del purgatorio e, chi voleva espiare i propri peccati poteva scendere nel pozzo, salvandosi così dal purgatorio dopo la morte.

Dunvilles Irish Whisky , 1925 poster for the Irish whiskey , with a fetching party waitress in a shamrock hat and dress stock photo

SIMBOLI

Il trifoglio

Il simbolo ufficiale dell’Irlanda è l’arpa celtica, ma anche il trifoglio ha un significato speciale per il popolo irlandese, tanto da essere spesso associato alla verde isola, a volte più della stessa arpa.
Lo shamrock (in gaelico seamrog = “summer plant”) è una qualità di trifoglio, il “trifolium repens”, caratterizzato in estate dalla fioritura di innumerevoli fiorellini bianchi.
La prima volta che il trifoglio fu citato per iscritto fu nel 1571, sebbene l’uso leggendario che ne fece S. Patrizio preceda tale data di millenni. Secondo la tradizione, infatti, S. Patrizio usò il trifoglio per illustrare il concetto di trinità ai Celti.

Oggi è difficile dichiarare vere o meno tali leggende che circondano il trifoglio, ma bisogna ricordare che questa pinta era importante già per iDruidi, prima dell’arrivo di S. Patrizio. Si credeva che avesse proprietà curative e l’associazione al numero 3 aveva un importante significato nella numerologia antica, per la quale il 3 era un numero sacro con poteri mistici.
Inoltre il trifoglio poteva avere proprietà profetiche, poiché a detta di molti, le foglie rivolte verso l’alto erano simbolo di maltempo in arrivo. Infine i Druidi ritenevano che il trifoglio potesse allontanare gli spiriti maligni.

Il legame tra S. Patrizio e il trifoglio crebbe durante la repressione dei Cattolici irlandesi e la confisca delle loro terre.
La prima volta che il trifoglio fu messo in mano a S. Patrizio fu su una moneta coniata dai Cattolici Confederati di Kilkenny, nel 1645. I Confederati erano i Realisti che volevano barattare la loro lealtà con la libertà di praticare il Cattolicesimo e assicurarsi la resa delle loro terre confiscate.
La prima volta che il trifoglio viene citato come emblema risale al 1681, nel diario di Thomas Dinely, che viaggiò in Irlanda sotto il regno di Carlo II: “The 17th day of March yearly is Saint Patrick’s, an immoveable feast when ye Irish of all stations and conditions wear crosses in their hats, some of pins, some of green ribbon, and the vulgar superstitiuosly wear shamroges. 3 leaved grass which they likewise eat to cause a sweet breath“.
Dinely associava l’indossare il trifoglio alle classi sociali più basse. Ad indossare il trifoglio erano, infatti, gli stessi contadini il cui comportamento durante i pellegrinaggi tanto colpiva i vescovi nel XVII e XVIII secolo.

Quando Jonathan Swift osservò uomini e donne irlandesi a Londra il 17 marzo 1713, notò che indossavano croci, non trifogli. Questo perché a Londra si trovavano in visita persone benestanti e/o aristocratiche.
Qualsiasi siano le antiche tradizioni riguardanti il trifoglio, dalla storia più recente risulta che la pianta continua ad essere una potente icona.
Fu simbolo della ribellione e dell’indipendenza dalla Corona Britannica durante il regno di Vittoria (1837-1901). Il significato del trifoglio era così potente che indossarlo sull’uniforme militare era consideratocrimine mortale. Tale oppressione servì solo a infondere un peso culturale sempre maggiore, tanto che “the wearing of the green” è diventato motivo di orgoglio nazionale.


I Leprechauns e la pentola dell’oro

Il Leprechaun è il più popolare folletto d’Irlanda, noto anche comeLeith Bhrogan. Per lui molti lasciano un bicchiere di latte sul davanzale della finestra. Il suo ritratto c’è in tutte le botteghe e i negozi, ed è proprio la sua maschera ad aprire le sfilate nel giorno di San Patrizio.
E’ un folletto ciabattino (in irlandese Leith bhrogan, ovvero ciabattino di una sola scarpa) e quando non lavora si dedica solo a fare scherzi. Si burla soprattutto degli avari e costruisce trappole geniali per i ladri. I Leprechauns sembra vivano in solitudine e custodiscano una pentola piena d’oro nascosta alla base dell’arcobaleno.
Le leggende hanno reso questo folletto uno tra i simboli più diffusi del St. Patrick’s Day.

Croce celtica

S. Patrizio conosceva la lingua e la cultura irlandese grazie al periodo di schiavitù che aveva vissuto su Slemish Mountain. Quando da Roma, l’apostolo tornò in Irlanda per evangelizzare il paese, la sua missione ebbe successo perché egli non cercò mai di far dimenticare ai Celti del luogo le loro credenze, anzi, tentò in ogni modo di combinare la nuova fede cristiana con la loro simbologia. Un esempio, secondo la leggenda, è la Croce Celtica: S. Patrizio aggiunse ilsole, potente simbolo celtico, alla croce cristiana, per facilitare l’assimilazione di tale icona.e

L’arpa

L’arpa irlandese è uno degli strumenti più antichi al mondo ed è diventato nel corso dei secoli il simbolo ufficiale dell’Irlanda, sebbene il trifoglio sia quello più noto e diffuso.

The Wearing of the Green

Il verde è considerato il colore simbolo dell’Irlanda e il giorno di S. Patrizio moltissimi irlandesi indossano un capo d’abbigliamento verde per tradizione oppure un mazzolino di trifogli all’occhiello o nel taschino. Il verde simboleggia la primavera, la natura e la speranza, oltre ad essere il colore del trifoglio, e secondo il folklore irlandese è il colore preferito delle fate.

Blarney Stone

Un’usanza vuole che il giorno di S. Patrizio in particolare porti fortuna baciare la celebre Blarney Stone, o pietra dell’eloquenza, incastrata in un muro del cammino di ronda dell’omonimo castello.
Secondo la leggenda, chi la bacia, o almeno la tocca, riceve immediatamente il dono della dialettica. Tale credenza deriva da una rimostranza della regina Elisabetta I, cui uno dei proprietari del castello, Cormac Teige MacCarthy, avrebbe tenuto testa così bene alla regina, mascherando l’astuzia tramite l’eloquenza, che costei avrebbe detto, ricevendo una delle sue lettere:

“This is all Blarney, he never means what he says, he never does what he promises”
“E’ tipico di Blarney: non pensa mai ciò che dice, non fa mai ciò che promette”.

Il termine blarney, che significa “lusingare”, sarebbe entrato così nella lingua inglese. Baciare la magica Blarney Stone, comunque, significa salire 1200 gradini, sdraiarsi sulla schiena e rimanere sospesi nel vuoto…

Shillelagh

Lo Shillelagh è un bastone da passeggio fatto originariamente del legno della Shillelagh Forest (Co. Wicklow). Tale bastone si dice rappresenti lo spirito “staunch” degli irlandesi e la loro perseveranza.

3.08.2011

Today I'm pink... GULABI GANG'S SARI PINK !


8 marzo 2011 FESTA DELLE DONNE e CARNEVALE


Il colore di oggi è il rosa, colore della femminilità, ma un rosa forte e luminoso, come noi donne capaci di combattere tutto e tutti e di sfoderare un coraggio degno di un leone..


Hoy, dia de las mujeres de todo el mundo, es color rosa, el color de la feminidad, sino un fuerte y brillante color rosa, como las mujeres! somos capaces de luchar contra todo y todos con una valentía digna de un león ..


The color today is pink, the color of femininity, but a strong and bright pink, as we women are able to fight everything and everyone and pull off a courage worthy of lion ..


E’ considerata una delle gang più agguerrite e temute dell’India settentrionale: rapida e feroce, si sposta tra i villaggi e le campagne brandendo coltellacci e bastoni, e togliendo il sonno a ufficiali di polizia e proprietari terrieri. Urla, minacce, pugni, impiegati terrorizzati, caserme assaltate. Storie già note nel distretto di Banda, al confine tra Uttar e Madhya Pradesh: una sorta di Garfagnana indiana, infestata da banditi leggendari e fuorilegge pittoreschi, dove un milione e mezzo tra intoccabili e membri di comunità tribali languono su una terra colpita da frequenti siccità.

Ma questa non è una gang qualunque. I suoi componenti indossano braccialetti, orecchini e sandali, si dipingono le mani con l’henné, si coprono con lunghi sari rosa e hanno un nom de guerre all’apparenza innocuo: Gulabi gang, la «banda in rosa». Un po’ come le Pink Ladies americane di «Grease». Solo che questo non è un fast-food, bensì uno degli angoli più poveri e violenti dell’India rurale.

Creata nel gennaio del 2006 da una ex venditrice di tè analfabeta, Sampat Devi Pal, la banda ha cominciato a radunare donne e ragazze stanche di essere relegate ai margini di famiglie già inchiodate agli abissi di una società feudale e fortemente machista. Le loro storie si assomigliano molto. Ancora bambine vengono mandate a spaccarsi la schiena nei campi, tra sfruttamento e abusi sessuali, per poi essere date in sposa - sempre bambine - e vivere all’ombra di mariti spesso poveri e frustrati. O in molti casi violenti, specie quando si attaccano alla bottiglia e passano le nottate a massacrarle di botte. Nessuno le difende o le aiuta. Per quanto positive e utili, le organizzazioni non governative locali spesso sono troppo piccole o deboli. Mentre la polizia, lontano dalle grandi città, è ancora più brutale e corrotta.

Tanto vale farsi giustizia da sole. A Banda e dintorni, le compagne di Sampat Devi sono ora le vigilantes della zona. Se qualcuno picchia la moglie e la caccia di casa, nel giro di poche ore si ritrova circondato da sari rosa, sguardi inquisitori e dita puntate contro. Lo stesso accade ai latifondisti o agli impresari sospettati di sfruttamento, o agli ufficiali corrotti o violenti.

«La società rurale in India è un peso sulle spalle delle donne», ha detto la Devi in una recente intervista alla Bbc. «È una società che si rifiuta di dar loro un’istruzione, che le sposa troppo giovani, che le scambia per denaro». Data in sposa a nove anni a un uomo che aveva il doppio della sua età, Devi è andata a convivere con lui solo tre anni dopo. Appena tredicenne, ha dato alla luce il suo primo figlio. Dopo aver lavorato come chaai-walla (i popolari venditori di tè indiani), era riuscita a trovare lavoro in un’organizzazione non governativa per i diritti delle donne. Non soddisfatta, ha creato la Gulabi gang.

Vale a dire, come specifica lei, «una gang che si batte per la giustizia». E che a volte non va tanto per il sottile. Dopotutto questa regione ha dato i natali a Phoolan Devi, la celebre «bandit queen», che negli Anni 70 aveva guidato un gruppo di dacoits (banditi) nelle foreste dell’India centro-settentrionale. È stato forse ispirandosi a lei che, nel maggio del 2007, circa 400 gulabi hanno assaltato l’ufficio della compagnia elettrica locale, colpevole di aver tagliato la luce alle loro abitazioni e di aver preteso bustarelle per riattivare la corrente. Non trovando il responsabile, le donne inferocite vi hanno chiuso a chiave i dipendenti.

Camionisti colti in flagrante mentre trasportavano carichi rubati di provviste destinate ai poveri, sono stati fermati e costretti a fare marcia indietro, non senza aver intascato una scarica di botte. Ufficiali di polizia prepotenti o corrotti sono stati presi a schiaffi. Gli adulti a caccia di bambine da sposare fanno la stessa fine, se non peggio. Una giustizia dal basso, probabilmente più efficace di quella latitante dello Stato.

Motivo per cui - da oggi - gli uomini di questa terra arida, povera e violenta hanno un motivo in più per temere e rispettare le loro donne. Specie se indossano sari rosa.


Y 'como una de las bandas más agresivas y temido en el norte de la India: rápido y feroz, se mueve entre los pueblos y el campo blandiendo cuchillos y palos, asustando a los agentes de policía y los terratenientes. Gritos, amenazas, golpes, los empleados aterrorizados, cuartel atacado. Historias ya conocidas en el distrito de Banda, la frontera entre Uttar Pradesh y Madhya Pradesh, una especie de India Garfagnana, infestada de bandidos y forajidos pintorescos legendario, donde un millón y medio entre los intocables y los miembros de las comunidades tribales languidecen en las tierras afectadas por la sequía frecuentes .

Pero esto no es una banda cualquiera. Sus miembros llevan pulseras, pendientes y sandalias, se pintan las manos con henna, están cubiertos con largas sari de color rosa y tiene un nombre de guerra aparentemente inocua: ". La banda en color rosa" banda Gulab, un poco parecido a las Pink Ladies de América en "Grease". Excepto que esto no es un restaurante de comida rápida, pero uno de los rincones más pobres y violentos de la India rural.

Fundada en enero de 2006 por una mujer analfabeta ex proveedor de té, Sampat Pal Devi, la banda comenzó a recopilar las mujeres y las niñas cansada de ser relegada a los márgenes de las familias ya clavada en el abismo de una sociedad feudal y fuertemente machista. Sus historias son muy similares. Desde ninas son enviados a dividir los campos, incluida la explotación sexual y el abuso, sólo para ser dada en matrimonio - siempre de niñas - viven en la sombra de sus maridos pobres  menudos y frustrados. O en muchos casos violentos, especialmente cuando se unen a la botella y pasan las noches golpeando. Nadie defiende o ayuda. Como positivo y útil, las ONG locales son a menudo demasiado pequeñas o débiles. Mientras que la policía fuera de la gran ciudad, es aún más brutal y corrupto. 


Bien podría tomarse la justicia por su propia cuenta. En Banda y alrededores, los compañeros de Sampat Devi son los vigilantes de la zona. Si alguien golpea a su esposa o envia a su mujer fuera de la casa, dentro de pocas horas se encuentra rodeado por sari de color rosa, los ojos curiosos y los dedos apuntados. Lo mismo sucede con los terratenientes o empresarios sospechosos de explotación, o de funcionarios corruptos o violentos.

"La sociedad rural en la India es una carga sobre los hombros de las mujeres", dijo Devi en una entrevista reciente con la BBC. "Es una sociedad que se niega a darles una educación, se casan muy jovenes, en cambio de dinero." Dada en matrimonio a nueve años para un hombre que le doblaba la edad, que han ido a vivir con él sólo tres años más tarde. Sólo trece años de edad, dio a luz a su primer hijo. Después de trabajar como Chaa-walla (son vendedores populares de té de la India), había logrado encontrar un trabajo en una ONG por los derechos de la mujer. No satisfecho, creó pandillas Gulab.

Es decir, como lo especifica, "una banda que está luchando por la justicia." Y a veces no tanto por sutil. Después de todo, esta región ha sido la cuna de Phoolan Devi, la famosa 'Bandit Queen', que en los años 70 lideró un grupo de bandidos en los bosques del norte-central de la India. Fue inspirado tal vez por ella, que en mayo de 2007, a unos 400 Gulab irrumpieron en la oficina de la compañía eléctrica local, culpable de haber cortado la luz a sus hogares y han exigido sobornos para cambiar el rumbo. Al no encontrar a la persona responsable, la mujer enojada ha bloqueado los empleados.

Los conductores de camiones atrapados in fraganti mientras que el transporte de cargas robadas de los suministros para los pobres, fueron detenidos y obligados a dar marcha atrás, después de haber metido una andanada de golpes. Arrogantes o policías corruptos han sido abofeteado. Los adultos en busca de las niñas a casarse son el mismo fin, si no peor. Justicia desde el fondo, probablemente más eficaz que el estado en general.

¿Por qué - ahora - la gente de esta tierra árida, pobre y violento tiene una razón más para temer y respetar a sus mujeres. Sobre todo si llevan saris de color rosa.


And 'as one of the most aggressive and feared gang in northern India: fast andfierce, it moves between the villages and countryside brandishing knives and sticks,and a terrifying police officers and landowners. Screams, threats, fists, frightened employees, attacked barracks. Stories already known in the district of Banda, the border between Uttar Pradesh and Madhya Pradesh, a sort of Indian Garfagnana,infested with bandits legendary outlaw and picturesque, where a million and a halfbetween untouchables and members of tribal communities languish on land affected by frequent drought.

But this is not a gang whatever. Its members wear bracelets, earrings and sandals,they paint their hands with henna, are covered with long pink sari and have a nomde guerre seemingly innocuous: Gulab gang, "the band in pink. " A little 'as the PinkLadies of American "Grease. " Except that this is not a fast-food restaurants, but oneof the poorest and most violent corners of rural India.

Founded in January 2006 by a former vendor of tea illiterate, Sampat Pal Devi, thegang began to gather women and girls tired of being relegated to the margins offamilies already nailed to the abyss of a feudal society and strongly macho. Theirstories are very similar. Even children are sent back to split the fields, includingsexual exploitation and abuse, only to be given in marriage - always girls - live in the shadow of their husbands and often poor and frustrated. Or in many cases violent,especially when they attach to the bottle and spend their nights beaten up. No onedefends or helps. As positive and useful, local NGOs are often too small or weak.While the police away from the big city, it is even more brutal and corrupt ..

Might as well take the law into their own. In Banda and its surroundings, the Sampat Devi companions are now vigilantes in the area. If someone beats his wife and put out of the house, within a few hours finds himself surrounded by the pink sari, inquisitive eyes and fingers pointed at. The same happens to the landowners or businessmen suspected of exploitation, or corrupt or violent officials.

"The rural society in India is a burden on the shoulders of women, " said Devi in a recent interview with the BBC. "It is a society that refuses to give them an education,that married too young, that exchange them for money. " Given in marriage at nine years to a man who was twice her age, she has gone to live with him only three years later. Just thirteen years old, gave birth to her first child. After working as Chaa-walla (are popular sellers of Indian tea), had managed to find a job in an NGO for women's rights. Not satisfied, she created the gang Gulab.

That is to say, as she specifies, "a gang that is fighting for justice. " And sometimes not so much for subtle. After all, this region has been the birthplace of Phoolan Devi,the famous 'Bandit Queen', which in the '70s had led a group of dacoits (bandits) innorth-central forests of India. It was perhaps inspired by her, who in May of 2007,about 400 Gulab stormed the office of the local power company, guilty of having cutthe light to their homes and to have demanded bribes to turn the tide. Not finding the person responsible, angry women have locked the employees.

Truck drivers caught red-handed while carrying stolen loads of supplies for the poor, were stopped and forced to back down, after having pocketed a volley of blows.Arrogant or corrupt police officers have been slapped. Adults looking for girls tomarry make the same end, if not worse. Justice from the bottom, probably more effective than the state at large.

Reason why - now - men of this arid land, poor and violent have one more reason to fear and respect their women. Especially if they wear pink saris.



3.02.2011

Today I'm black&white ... THE BLACK AND THE WHITE TCHAIKOVSKYs SWAN !

La danza è espressione dei sentimenti più profondi nella maniera più semplice.
The dance is a poem of which each movement is a word.Mata Hari
La danza se Baila con el cuerpo y se siente con el Alma.


Hoy me siento en blanco y negro. El blanco y negro de los cisnes de Tchaikovsky! L'un suave dulce y blanco, y el otro energía elegancia fuerza y sensualidad. La poesía del cuerpo por encima de la palabra. Así que la danza hace palpitar el corazón .. AMBICIÓN DEDICACIÓN PASIÓN COMPROMISO .. la magia del teatro, donde todo puede ser creado, oculta y revela ..


 Oggi mi sento in bianco e nero... il bianco e il nero dei cigni di Tchaikovsky.. l'uno dolce delicato e candido, l'altro energia forza eleganza e sensualità... la poesia del corpo sopra quella della parola...così la danza fa battere il cuore .. DEDIZIONE PASSIONE AMBIZIONE IMPEGNO.. la magia del teatro dove tutto può essere creato nascosto e svelato..

Today I feel black and white. The white and the black swans in Tchaikovsky. One sweet delicate and white, and the other energy force elegance and sensuality. The poetry of the body above that of the word. Dance makes you breathing.. AMBITION DEDICATION COMMITMENT PASSION .. the magic of the theater where everything can be created, hidden and revealed .. 


"SOGNO DI BALLERINA"
E. DEGAS
La danza ha il potere infinito di emozionare e conquistare cuori e persone.. L'arte, il cinema, l'abbigliamento.. da sempre nella storia la ballerina è ritenuta "arte in movimento", dotata dell'abilità di controllare completamente il proprio corpo e trasformarlo in musica. 
 The dance has infinite power to excite and win hearts and people .. The art, cinema,fashion .. always in the history the dancer is described as "poetry in motion",for her ability to completely control his own body and turn it into music.
La danza tiene un poder infinito para excitar y ganar los corazones y las personas ..El arte, el cine, la moda .. siempre en la historia la bailarina se describe como"poesía en movimiento", con la capacidad de controlar completamente su propio cuerpo y convertirlo en música 
___________________________________________________
E per chi volesse muovere i primi passi con le scarpette di raso e tutù consiglio..
...For a nice first ballet lesson.. 
Para los curiosos acerca de los misterios y la disciplina de la danza clásica ..
THE MOVIE  : BLACK SWAN
Direction: Darren Aronofsky (Requiem for a dream)
Screenplay by Andres Heinz, Mark Heyman, John J. McLaughlin
Photography by Matthew Libatique
Soundtrack by Clint Mansell
Cast: Natalie Portman, Vincent Cassel, Mila Kunis, Barbara Hershey, Winona Ryder, Benjamin Millepied, Ksenia Solo, Kristina Anapau, Janet Montgomery, Sebastian Stan, Toby Hemingway, Sergio Torrado, Mark Margolis, Tina Sloan
 Un estenuante e devastante percorso dove realtà e immaginario si sciolgono in un’antitetica entità. La storia racconta, in apparenza, la vita che si svolge dietro le quinte di molte compagnie teatrali e di ballo: rivalità, ambizioni, discussioni, invidie e gelosie. Ma veniamo presto coinvolti nella vicenda interiore di questa ragazza profondamente dedita alla danza e totalmente sottomessa alle ambizioni della madre, ex ballerina, che vede nella figlia il coronamento di un sogno. Una vicenda drammatica, un mix di verità e fantasia, un thriller mozzafiato che fino all'ultimo ci sospende "in punta di scarpetta"..
Ashish_Bjork_Disaya_Lanvin_MinnaParikka_Mori&Mimosa_MinimarketJunkoShimada
An exhausting and devastating journey where reality and imagination merge. The story, apparently, tells the life that goes on behind the scenes of many theater and dance companies: rivalry, ambition, discussions, envy and jealousy. But we are soon involved in the inner experience of this girl deeply devoted to dance and totally submissive to the ambitions of her mother, a former dancer, who sees in her daughter the fulfillment of her dream. A dramatic story, a mix of truth and fantasy, a thriller that we suspend until the last 
"on the tip of ballet shoes" .. 
Filthy Magic_Guess_Chanel_MidnightMothCorsetByLeeKlabin_SigersonMorrison_StuartWeitzman_TheBattalion_Valentino
Un viaje agotador y devastador donde la realidad y la imaginación se fusionan. La historia, al parecer, cuenta la vida que pasa detrás de las escenas de muchas compañías de teatro y danza: la rivalidad, la ambición, la envidia los debates, y los celos. Pero nos vemos pronto involucrados en la experiencia interna de esta chica profundamente dedicado a la danza y totalmente sumiso a las ambiciones de su madre, una ex bailarina, quien ve a su hija el cumplimiento de un sueño. Una historia dramática, una mezcla de la verdad y la fantasía, un thriller que se suspenda hasta el último "en la punta de los pies" ..

___________________________________________________________________________________
Make up by Judy Chin. Di grande impatto visivo, con una cura particolare nel contorno occhi. La make up designer ha lavorato sull’evolversi del personaggio passando dai colori leggeri, quasi invisibili, iniziali fino all’argento-nero che ne enfatizzano l’aspetto maligno. 
 Great-looking, with a particular care around the eyes. The makeup designer hasworked on the evolution of the character going from light colors, almost invisible,until the initial silver-black design that enhances the appearance of evil.
Excelente, con un especial cuidado al rededor de los ojos. El diseñador de maquillaje ha trabajado en la evolución del personaje que va de colores claros, casi invisible, hasta el diseño de plata-negro que realza la apariencia del mal.
___________________________________________________________________________
THE BOOK 
Il coreografo più famoso del mondo si infatua di una giovane ballerina di talento, sua sirena e musa..Una stella nascente si immerge in una relazione con un superiore, ma constata che l'estasi del palcoscenico non può essere eguagliata in camera da letto.. Adrienne Sharp coglie l'essenza e la passione della danza e del suo mondo fugace e li traduce in storie indimenticabili.
The world's most famous choreographer becomes infatuated with a talented young dancer who proves both siren and muse.. A rising star plunges into an affair with a principal but finds that the ecstasy on the stage cannot be matched in the bedroom.. Adrienne Sharp captures the essence and passion of ballet and its fleeting world and translates them into an unforgettable stories.
El coreógrafo más famoso del mundo se enamora de una joven bailarina talentosa que se muestra sirena y musa. . . Una estrella se sumerge en una aventura con un director, pero pronto entiende que el éxtasis en el escenario no puede ser igualada en la cama.. Adrian Sharp captura la esencia y la pasión del ballet y su mundo fugaz y nos traduce en historias inolvidables.
ARCHITECTURE&DESIGN 
By Yohimasa Tsutsumi : 'dance studio anzas'
dance03dance01 Come nel film, dove gli specchi, elementi fondamentali delle sale di danza, assumono potere narrativo e vengono riportati in ogni immagine possibile creando sorprendenti effetti, i materiali studiati per questo progetto acquisiscono notevole importanza. Applicando una sfumatura di punti alle sale con superfici a specchio, si crea un effetto di nebbia profonda, causando una drammatica alterazione di atmosfera della stanza. Il progetto mira a mettere a fuoco la presenza vertiginosa del pavimento. L'effetto olistico della materialità unita allo specchio è una fusione dello spazio e un offuscamento della profondità della camera e dei confini.
I punti si ripetono nello spazio di accoglienza, in modo luminoso e di grandi dimensioni, che istituisce una forte identità estetica alla scuola di danza.
 As in the film, where the mirrors, the fundamental elements of dance halls, assume the narrative power and are shown in each image creating surprising effects, the materials developed for this project,acquire considerable importance. Applying a gradient points to the rooms with mirrored surfaces, creating a deep fog effect, causing a dramatic alteration of the atmosphere of the room. The project aims to focus on the presence of the dizzying floor. The holistic effect of the materiality unit to the mirror is a fusion of space and a blurring of the boundaries and depth of the chamber. The points are repeated in the reception area, so bright and large, establishing a strong aesthetic identity to the school dance.
Al igual que en la película, donde los espejos, los elementos fundamentales de los salones de baile, tomando el poder narrativo se muestran en cada imagen creando efectos sorprendentes, los materiales desarrollados para este proyecto,adquirir una importancia considerable. La aplicación de un gradiente de puntos a las salas con superficies de espejo, crean un efecto de niebla de profundidad, provocando una dramática alteración de la atmósfera. Los puntos se repiten en la zona de recepción, tan brillante y grande, estableciendo una fuerte identidad estética a la escuela de baile.

dance05dance04

_______________________________________________________
CARNIVAL: MAKE UP IDEA

2.28.2011

Today I'm multicolor ..AMAZING BIRDS MULTICOLOR!

Latest AVIAN Fashion 2011 by Bird Inspired

Un po' di voglia di primavera misto alla voglia di colore e maschere di carnevale... una giornata multicolore come gli uccelli mentre fuori nevica..

Perchè gli uccelli sono cosi meravigliosamente colorati?? protezione mimesi amore riconoscimento??

Il colore assume la funzione mimetica e sessuale, permettendo la distinzione degli individui maschi o femmine. In alcuni casi, tra i due sessi non vi è alcuna differenza di colorazione visibile. I colori delle piume sono prodotti dalla presenza di pigmenti, soprattutto melanine (che danno tonalità di colore che variano dal marrone, nero e grigio) e carotenoidi (che determinano i colori
rosso, giallo ed arancio). Un'altra importante caratteristica che determina il colore è la struttura della penna stessa. In questo senso i colori blu e verde della maggior parte dei pappagalli, sono prodotti dall'interazione prodotta dalla riflessione della luce tra differenti livelli della struttura delle piume ed i carotenoidi di colore giallo. L'evoluzione della colorazione è strettamente collegata alla selezione sessuale ed è stato dimostrato che i pigmenti basati sui carotenoidi si sono evoluti perché sono un segnale di ottimo stato fisico, in quanto essi derivano dalla dieta dell'animale.Gli uccelli cercano di mantenere la condizione ottimale delle loro piume bagnandosi in acqua, ricoprendosi di polvere o lisciandole con l'aiuto del becco.

Quasi tutte le specie di volatili mutano il piumaggio annualmente, di solito dopo la stagione degli accoppiamenti, e questo tipo di muta, detta pre-basica, forma il piumaggio basico. Molte specie però, intraprendono anche una seconda muta, anticipata rispetto alla stagione degli accoppiamenti, conosciuta come muta pre-alternata, che da origine al piumaggio alterno o nuziale. Questo tipo di piumaggio è spesso molto più chiaro rispetto a quello basico, allo scopo di attirare il partnercon cui accoppiarsi, ma può anche venire utilizzato per nascondersi durante la covata, periodo durante il quale gli uccelli sono molto vulnerabili.
 

Dior
 Ganas de primavera y de disfraces de carnaval ... un día de una mezcla de colores ricos como los pájaros ..mientras está nevando afuera ..

Pero tu sabes porque los pajaros estan tan maravillosos y coloridos? reconocimiento, protección, amor, mimetismo?


El color tiene funcion de camuflaje y sexual, lo que permite la distinción entre hombres o mujeres. En algunos casos, entre los sexos, no hay diferencia visible en el color. Los colores de las plumas se producen por la presencia de pigmentos, en particular melaninas (que dan tonos de color que van del marrón, negro y gris) y carotenoides (que determinan los colores rojo, amarillo y naranja). Otra característica importante que determina el color de la pluma es la estructura del mismo. En este sentido, los colores azul y verde de la mayoría de los loros, se producen por la interacción entre los diferentes niveles de reflexión de la luz de la estructura de las plumas y los carotenoides amarillos. La evolución de la coloración está estrechamente vinculada a la selección sexual y se ha demostrado que los pigmentos carotenoides se han evolucionado, ya que son un signo de buena condición física, ya que se derivan de la dieta. Los pájaros tratan de mantener la condición óptima mojando sus plumas en el agua, cubierto de polvo o liso con la ayuda del pico.

 

Waiting for spring! Mixed with the wish of colours and carnival masks.. a day multicolor like birds.. while it's snowing outside.. 
Because birds are so wonderfully colorful? protective mimicry, love, recognition?

The color takes on camouflage and sexual function, allowing the distinction between males or females. In some cases, between the sexes, there is no visible difference in color. The colors of feathers are produced by the presence of pigments, particularly melanins (which give color tones ranging from brown, black and gray) and carotenoids (which determine the colors red, yellow and orange).Another important characteristic that determines the color, the structure of the pen itself. In this sense, the blue and green colors of most parrots, are produced by the interaction between different levels of light reflection of the structure of feathers and yellow carotenoids. The evolution of coloration is closely linked to sexual selection and has been shown that carotenoid-based pigments have evolved because they are a sign of good physical condition, since they derive from the diet. The birds try to maintain the condition optimal wetting their feathers in water, covered in dust or smooth with the help of the beak.

Almost all species of birds change their feathers each year, usually after the mating season, and this type of suit, known as pre-basic, create basic plumage. Many species, however, embark on a second suit, ahead of mating season, known as a silent pre-ac, which gives rise to a wedding or alternate plumage. This type of plumage is often much clearer than the basic, in order to attract the partner with whom to mate, but can also be used to hide during the brood period during which the birds are very vulnerable.





CARNIVAL MAKE UP IDEA!

2.27.2011

Today I'm blue ..CRYSTAL STREAMS BLUE!

Go SLOW Be HAPPY!

FEB. 28th, 2011 - THE 5th GLOBAL DAY OF SLOW LIVING 

The colour for today is exactly that amazing crystal streams blue.

 EVENTS
 Monday 28 February 2011
- Speeding tickets and video interviews of hurried walkers in Union Square
to ask them if all this running makes us happy
- Street Opera with young Italian Opera singers: Veronica Giorgetti, soprano; Stefano Ranzi, basso; Creusa Suardi, soprano; Tamura Suardi, mezzo soprano; in collaboration with the
Vittadini Conservatory in Pavia, Union Square. Stage Direction Andrée Ruth Shammah, Franco Parenti Theatre in Milan.
-Liuba, perform and video artist:The Slowly Project, Take your Time in New
York.

Tuesday 1 March 2011
- 10:00am Seminar with university students: Ambitions and Altruism - People,
Profit, Planet. Three Ps for a weconomy. In collaboration with  the European Association for Economic Education - Italy (Professor Enrico Castrovilli, chairman), New York University (Professor Alberto Bisin), Bruno Contigiani (The Art of Living Slowly, chairman).  King Carlos Juan I NYU, 53 Washington Sq.South.
- 150° Italian Unification Anniversary - Dinner with Accademia Italiana della Cucina in cooperation with Berardo Paradiso (President of IACE)  at 7.00 pm Bruno Contigiani Speech. Young Italian Opera Singers. Special guest: Francesco Maria Talò, General Consul of Italy in New York.

Wednesday 2 March 2011
-Performance by the Perform and video artist Liuba: The Slowly Project,Take
your time, in New York.
-Museum Mile: 9:30am -11:30am with the performance of Young Italian Opera Singers
-Times Square:12am-2:30pm
-Armory Show opening:3:00pm-6:00pm
- Washington,  Annamaria Lusardi  one of the six academics cited in The New York Times on creative proposals to change the financial system will meet L'Arte del Vivere con Lentezza: "Financial literacy and weconomy.

Thursday 3 March 2011
- Milux Cafe, 5 pm, Maria Teresa Cometto and Glauco Maggi, journalists Speaking
about their New York, Opera Singers.

Friday 4 March 2011
- Fiorello LaGuardia High School - meeting with students and teachers, -
Bruno Contigiani, Pledging vastness - performance by Italian opera singers.
- Party meeting in Madison Square with Shore Walkers (New York-based
association, famous for its Great Saunter, President Cy Adler), terrace in
front of the Flatiron Building at 6:00pm.

Saturday 5 March 2011
- Share&Shore Walk,  8-mile walk with Shore Walkers (Cy Adler president)
along the Hudson River from South Street Seaport to 72nd Street. Departure from Heartland Brewery at 10:30am.

SLOMANDMENST!! TAKE A LOOK!! http://www.goslowbehappy.com/slowmandments
AlexanderMcQueen_Nike_BrianAtwood_CamillaSkovgaard_ChristianSirianoForPayless

28 FEBBRAIO 2011 V edizione della GIORNATA MONDIALE DELLA LENTEZZA 

TEMA Ambiziosi e Altruisti - Slow life, green life, better life.

Per tutti noi una giornata dal colore azzurro cristallino del ruscello.. per scorrere anche noi frizzanti e allegri lungo le nostre giornate rocciose ..

C’è un legame segreto fra lentezza e memoria, fra velocità e oblio.
Prendiamo una situazione fra le più banali: un uomo cammina per la strada. A un tratto cerca di ricordare qualcosa, che però gli sfugge. Allora, istintivamente, rallenta il passo.
Chi invece vuole dimenticare un evento penoso appena vissuto accelera inconsapevolmente la sua andatura, come per allontanarsi da qualcosa che sente ancora troppo vicino a sé nel tempo.
Nella matematica esistenziale il grado di lentezza è direttamente proporzionale all’intensità della memoria; il grado di velocità è direttamente proporzionale all’intensità dell’oblio.
Da tale equazione si possono dedurre diversi corollari, per esempio il seguente: la nostra epoca si abbandona al demone della velocità ed è per questo motivo che dimentica tanto facilmente se stessa.

Ma io preferisco rovesciare questa affermazione: la nostra epoca è ossessionata dal desiderio di dimenticare, ed è per realizzare tale desiderio che si abbandona al demone della velocità; se accelera il passo è perché vuole farci capire che oramai non aspira più ad essere ricordata; che è stanca di se stessa, disgustata da se stessa; che vuole spegnere la tremula fiammella della memoria.
Milan Kundera

KIT DEL LENTO:
Libro 
Riviste
Sorriso
Macchina fotografica
Bicicletta 
Scarpe comode
Musica

Vi sentite pronti a vivere una giornata senza stress? pensando soltanto a ciò che vorreste fare e a come potreste vivere meglio con piccoli cambiamenti nella routine quotidiana? passate più tempo coi vostri figlio.. dedicate una parte delle vostre giornate ai vostri interessi.. non impegnatevi troppo nel mantenere sempre piena l'agenda .. e godetevi di più la vita! :D
I COMANDALENTI
1) Svegliarsi 5 minuti prima del solito per farsi la barba, truccarsi o far colazione senza fretta e con un pizzico di allegria.
2) Se siamo in coda nel traffico o alla cassa di un supermercato, evitiamo di arrabbiarci e usiamo questo tempo per programmare mentalmente la serata o per scambiare due chiacchiere con il vicino di carrello.
3) Se entrate in un bar per un caffè:ricordatevi di salutare il barista, gustarvi il caffè e risalutare barista e cassiera al momento dell'uscita(questa regola vale per tutti i negozi, in ufficio e anche in
ascensore)
4) Scrivere sms senza simboli o abbreviazioni, magari iniziando con caro o cara...
5) Quando è possibile, evitiamo di fare due cose contemporaneamente come telefonare e scrivere al computer...se no si rischia di diventare scortesi, imprecisi e approssimativi.
6) Evitiamo di iscrivere noi o i nostri figli ad una scuola o una palestra dall'altra parte della città
7) Non riempire l'agenda della nostra giornata di appuntamenti, anche se piacevoli, impariamo a dire qualche no e ad avere dei momenti di vuoto.
8) Non correte per forza a fare la spesa, senz'altro la vostra dispensa vi consentirà di cucinare una buona cenetta dal primo al dolce.
9) Anche se potrebbe costare un po' di più, ogni tanto concediamoci una visitina al negozio sottocasa, risparmieremo in tempo e saremo meno stressati.
10) Facciamo una camminata, soli o in compagnia, invece di incolonnarci in auto per raggiungere la solita trattoria fuori porta.
11) La sera leggete i giornali e non continuate a fare zapping davanti alla tv.
12) Evitate qualche viaggio nei week-end o durante i lunghi ponti, ma gustatevi la vostra città, qualunque essa sia.
13) Se avete 15 giorni di ferie, dedicatene 10 alle vacanze e utilizzate i rimanenti come decompressione pre o post vacanza.
14)Smettiamo di continuare a ripetere:"non ho tempo". Il continuare a farlo non ci farà certo sembrare più importanti.


Il Bhutan è l'ideale paese della lentezza stretto tra la catena dell’Himalaia, tra India e Cina. Un paese formidabile , un paese dove regna sovrana una grande tranquillità e dove gli abitanti coltivano i valori della tradizione culturale e religiosa tra montagne alte, coperte da foreste, valli verdi, piccole case costruite con metodi tradizionali la cui tecnica si perde nei secoli . Un viaggio in Bhutan è la scoperta di un mondo che viaggia ad un altra velocità ideale. Ci sono più pedoni che automobili e poi non è raro incrociare sul proprio percorso animali in particolare scimmie e per i più fortunati la possibilità di vedere il ghepardo delle nevi. Si percorre la strada attraversando verdi foreste e ruscelli d'acqua cristallina, la notte si dorme in tenda sotto un cielo senza luci se non quelle delle stelle. La mattina.. paesaggio quasi irreale di montagne con pendii ripidi macchiati del verde scuro di pini e dal colore rosa dei rododendri, i prati delle valli. Un silenzio irreale, per imparare di nuovo a sentire.. il rumore dell’acqua di un ruscello che porta verso un piccolo mulino del villaggio, dove viene macinando il frumento. Le case sono piccole di legno con finestre intagliate e decorate, i balconi colmi di fiori, i contadini intenti nei lavori quotidiani come la mungitura delle mucche, la montatura a mano del burro, tessitura del filato, distillazione dell’orzo e la preparare di unasfoglia con la farina di grano saraceno.Lungo i bordi delle strade, è possibile sentire il suono dei canti melodici delle preghiere provenire dei conventi- fortezza i dzongs che sono anche centri amministrativi sul territorio.È abitudine in tutte le famiglie mandare i figli in monastero, con la speranza almeno uno diventi monaco e nonostante la recente modernizzazione la vita della gente del Bhutan non è cambiata segue sempre lo stesso ritmo da secoli.In Bhuthan non esistono le date e il tempo viene misurato in giorni e stagioni. Sono molto gentili e non di rado capita di venire invitati per una sosta nelle loro tende.Thimphu è l'unica città del mondo senza i semafori , anzi uno c'era ma hanno dovuto toglierlo perchè faceva confusione. Il Venerdi mattina c'è il mercato. Un paese che si è aperto al turismo solo recentemente e orientato in uno sviluppo nel rispetto dell'uomo, dell'ambiente, della religione e della cultura del paese, proiettato verso il futuro, recentemente negli ultimi anni sono arrivati, ospedali, sistema postale e scuole . E' un paradiso, non so quanto questo piccole paese riuscirà a sopravvivere ma spero che rimanga cosi per sempre..

EVENTI
A Milano si è svolta sabato 26 Febbraio con una anteprima tutta dedicata al pubblico milanese. La zona tra piazza San Babila e piazza Duomo animata delle più svariate perfomance di strada: dal tradizionale appuntamento con i “vigili della lentezza” muniti di “Passovelox” per multare i passanti frettolosi, alla distribuzione dei “Comandalenti e Comandamori” con esortazione ad applicarne almeno uno durante la giornata, dalla “Maratona Lenta” all’Opera in Strada, dai Giochi di Strada dimenticati di Giorgio Reali, alle dimostrazioni di Tai-Chi.

Segnalo, per chi avesse la possibilità di partecipare, l'evento "SLOW" http://www.facebook.com/event.php?eid=156915444363055&ref=ts una splendida passeggiata a metà tra il mare e la collina.. con viste mozzafiato..
Burberry_BananaRepublic_Gucci
28 de febrero 2011 la quinta edición del Día Mundial de Slow tema ambicioso y altruista - La vida lenta, Vida Verde, una vida mejor.

Para todos nosotros un día del color cristal azul de la corriente .. nos mueve demasiado burbujeante y alegre a lo largo de nuestros días .. Hay un vínculo secreto entre la lentitud y la memoria, entre la velocidad y el olvido.
La velocidad es la forma de éxtasis que la revolución técnica ha brindado al hombre. Contrariamente al que va en moto, el que corre a pie está siempre presente en su cuerpo, permanentemente obligado a pensar en sus ampollas, en su jadeo; cuando corre siente su peso, su edad, consciente más que nunca de sí mismo y del tiempo de su vida. Todo cambia cuando el hombre delega la facultad de ser veloz a una máquina: a partir de entonces, su propio cuerpo queda fuera de juego y se entrega a una velocidad que es incorporal, inmaterial, pura velocidad, velocidad en sí misma, velocidad éxtasis.

La lentitud_MilanKundera 

¿Estás listo para vivir un día sin estrés? pensando sólo en lo que te gusta hacer, y cómo podría vivir mejor con pequeños cambios en tu rutina diaria? pasar más tiempo con tus hijo .. dedicar parte de tu día a tus intereses .. no involucrarse demasiado en mantener tu agenda completa .. y disfruta mas de tu vida! : D
 
“Creo que vivir deprisa no es vivir, es sobrevivir.
Nuestra cultura nos inculca el miedo a perder el tiempo,
pero la paradoja es que la aceleración nos hace desperdiciar la vida.”
 
“Hoy todo el mundo sufre la ENFERMEDAD DEL TIEMPO:
la creencia obsesiva de que el tiempo se aleja y
debes pedalear cada vez más rápido”
 
“La lentitud nos permite ser más creativos en el trabajo,
tener más salud y poder conectarnos con el placer y los otros”
 
“La velocidad es una manera de no enfrentarse a lo que le pasa a tu
cuerpo y a tu mente, de evitar las preguntas importantes…
Viajamos constantemente por el carril rápido, cargados de emociones,
de adrenalina, de estímulos, y eso hace que no tengamos nunca el tiempo
y la tranquilidad que necesitamos para reflexionar y preguntarnos
qué es lo realmente importante.”
 
“A menudo, TRABAJAR MENOS significa trabajar mejor.
Pero más allá del gran debate sobre la productividad
se encuentra la pregunta probablemente más importante de todas:
 
¿PARA QUÉ ES LA VIDA?"

Amazon MP3 Clips